Osservatorio Medico Scientifico Febbraio 2022: creare valore aggiunto attraverso la nutraceutica

Intevista a Michele Pironti, direttore generale, socio e consigliere delegato di Aqma Italia.

Gli ultimi anni hanno visto l’Italia e il mondo travolto da un’emergenza sanitaria globale senza precedenti. La pandemia però ha mostrato l’importanza dell’industria farmaceutica per la salute e la ripresa economica. Le imprese del farmaco in Italia continuano a creare sviluppo e possono farlo ancora di più, in un quadro di riforme che consideri la farmaceutica un settore strategico per occupazione qualificata, produzione ed export, proprietà intellettuale e investimenti in ricerca e tecnologia ma, soprattutto, per la salute e il benessere della popolazione e per la sicurezza nazionale.
≪La nutraceutica, se gestita come la farmaceutica, si inserisce in questo processo con la necessita di creare valore aggiunto basandosi su dati scientifici, su ricerca e sviluppo, su qualità e controllo, adottando una comunicazione al passo coi tempi≫ spiega Michele Pironti, direttore generale, socio e consigliere delegato Consiglio di amministrazione di Aqma Italia, nata nel 2016 con l’obiettivo di contribuire attivamente allo sviluppo del settore nutraceutico italiano.

La società oggi si posiziona come Pmi innovativa nel variegato panorama delle aziende che operano nel settore.

In che modo la pandemia ha influito nel settore farmaceutico e della salute?
≪La pandemia, senza dubbio, ha fatto sentire e fa sentire i suoi effetti in maniera significativa e con una presenza che varia ovviamente tra settori. C’è da dire che anche i settori in crescita, se analizzati nel dettaglio spacchettati e suddivisi per categoria, mostrano seppur una crescita globale anche una diversificazione che fa  comprendere molte dinamiche e apre spazi di opportunità. Da una crisi così profonda e ancora fortemente presente, che ha accelerato tempi e processi di evoluzione, sicuramente chi era già avanti nei percorsi di sviluppo digitale e relazionale e riuscito a contenere i danni, anzi spesso ha trovato opportunità per crescere velocemente ≫.

 

Quando nasce l’azienda e con quali obiettivi?
≪Aqma nasce nel 2016 come start up innovativa e diventa Pmi innovativa a fine 2021. L’azienda nata con un solo dipendente esternalizzando praticamente tutte le attività, vanta, oggi, venti dipendenti e partnership consolidate. È focalizzata nello sviluppo di integratori alimentari funzionali. Il settore di riferimento e la nutraceutica che rappresenta il punto di incontro tra il settore alimentare e quello farmaceutico. Non ci dispiace definirci una “giovane multinazionale del farmaco”, considerato che il nostro modello di attenzione e sviluppo e caratteristico del settore farmaceutico con un grande orientamento verso la qualità, la ricerca e lo sviluppo e con l’impiego di informatori medico-scientifici nell’informazione scientifica, in quanto i nostri prodotti sono prescritti dai medici e consigliati dai farmacisti. Il dipartimento di ricerca e sviluppo di Aqma e costantemente al lavoro su attività di ricerca con frequenti studi clinici attivati e pubblicati ma anche su nuovi sviluppi e azioni di proprietà intellettuale con oltre dieci marchi registrati, quattro brevetti depositati, un brevetto appena concesso. Il nostro obiettivo e quello di proseguire strategicamente la crescita, sviluppare, acquisire e lanciare nuovi brand, aumentare l’organico interno, presumibilmente quotarsi in borsa tra qualche anno≫.

Quali sono i valori o le caratteristiche che contraddistinguono l’azienda sul mercato?
≪Sicuramente ciò che ci contraddistingue e la competenza fornita da un team esperto e motivato, la qualità e il controllo da garantire ai consumatori, ai medici e ai farmacisti. A questo si aggiungono, un’elevata etica professionale e accurati livelli di compliance, ricerca scientifica costante, altissimo valore scientifico delle linee di prodotto con continui studi clinici in pubblicazione, e infine trasparenza e correttezza, associate a modelli di comunicazione e informazione innovativi e al passo coi tempi. Chi acquista le nostre linee o le consiglia investe e crede in noi ed e nostro compito garantire il valore e la qualità di questo investimento e di questa fiducia accordataci≫.

Quali sono i principali servizi offerti?
≪Non offriamo servizi ma sviluppiamo e commercializziamo prodotti. Le aree di riferimento principali sono le carenze di ferro in cui siamo presenti con la linea Ferachel; l’area degli immunostimolanti, settore in cui siamo presenti con un lancio realizzato di recente del prodotto SQUDO compresse masticabili, nell’area osteoarticolare con CIBIDES lipogel coperto da brevetto a cui si aggiungono la linea Medronys per il fegato e il colesterolo oltre ad altre linee in concessione≫.
Autrice: ■ Luana Costa